Welcome To My Personal Photo Blog!

Immagini e Poesie

Fornace

fornace-mattoni



In Riva Ai Laghi I Forni


Sulle labbra dei vecci
affioravano poche parole
di cose lontane.
Cavalli bianchi
galoppavano per le strade
al timore della frusta
che s’allunga.

Quella valle era sua
fin dove e oltre
l’occhio spaziava.
Dalla strada che correva nel piano
fiancheggiata dal sambuco,
da mura e fontane limpide
fino alle cime delle colline
dove fluttuavano i castagni
battuti dal vento
e oltre, dove la strada
scende tortuosa
fino alla valle dei laghi
dove i paesi sono legati
uno all’altro dal nastro
bianco di strada.

In riva ai laghi i forni
in continuazione fumavano
come un accampamento di pionieri.
Infornavano e sfornavano i mattoni
fatti a mano, che si potevano contare
per fila moltiplicando le file.

La mia fantasia non sa
non può creare un personaggio
dando un nome vero
ed un volto falso
a quel ritratto forte.

Aveva cavalli bianchi
e navi in porto,
voleva far marciare la vita
al suo comando.

Tutti lo temevano
come quello stallaro
che all’alba lo incontrava
per le scale lungo e pallido,
vestito di bianco
come un’anima in pena.


Fanny Tomasi





3 commenti:

Olga Ricci ha detto...

Una belleza de fotografía! y precioso el poema.
Felicitaciones!
Saludos desde la patagonia argentina.

CSJ ha detto...

@ Olga Ricci
Sono felice che la fotografia e la poesia ti siano piaciute!
Grazie del complimento!
Ciao
CSJ

tiziana ha detto...

Voleva far marciare la vita......quanti tentano di imprimere questo passo alla propria esistenza. Quanti ricordi di fatica e di sentieri tracciati per la prima volta con il cuore e le gambe provati ma felici per i passi compiuti, uno dietro l'altro con regolarità, come durante una sclata! Grazie per aver evocato quei momenti con i versi della poesia!

Posta un commento

Se possibile, non commentare come "Anonimo": nel sottostante menù a tendina è possibile inserire un nickname scegliendo "Nome/URL".
Chi non ha un blog/sito può lasciare vuoto il campo "URL". Grazie

Cerca Nel Blog ...

Loading